La R.I.V.E al Giardino Della Gioia in Puglia 1-4 novembre 2012

É sempre molto interessante vedere come la programmazione per l’incontro della Rete Italiana Villaggi Ecologici si debba adattare al luogo, alle abitudini e agli individui…e non ultimo alle condizioni climatiche!

Giorni di pioggia e vento ci mettono a dura prova. Questa volta la mamma (Eva) il babbo (Alfredo) e alcuni “anziani” degli ecovillaggi non ci sono e questo genera vari sentimenti tra i presenti…chi si sente abbandonato, chi si sente troppo responsabile e chi se la gode alla grande come i vari volontari e giardinieri che umilmente e con gioia fanno il loro lavoro con la fiducia che tutto andrà bene. La bellezza è di essere in tanti con i pro e i contro che questo comporta: tante teste assieme che ragionano assieme, che cambiano decisioni, ma poi l’ordine e la chiarezza la fanno le responsabilità individuali di ognuno che, a prescindere dal ruolo, si impegna dov’è necessario. Infatti, come ha detto il mio caro amico Stefano, la Rete Italiana Villaggi Ecologici non è una mamma ma una figlia, ovvero qualcuno di cui prendersi cura!

orto giardino

Ed eccoci all’incontro, 4 giorni senza pioggia e con un organizzazione, a detta di molti, molto buona.

Ci aspettavamo forse più progetti provenienti dal sud Italia, sicuramente il periodo scelto sarà da rivedere, perchè non coincida con la raccolta delle olive. Si sono viste varie realtà potenzialmente in sviluppo nel territorio pugliese o limitrofo e molte persone che cercano un altro modo di vita possibile, che grazie l’incontro possono aiutarsi e consolidarsi come rete.

In questo incontro sento che ci siamo concessi un lavoro, a volte molto profondo di crescita individuale. Molte le persone che si sono offerte per dare seminari sia su aspetti pratici come la panificazione, o su aspetti dello vivere assieme e quindi relazionali (come il cerchio della parola, la comunicazione empatica o il dragon dreaming) che di benessere psico-fisico (danza, meditazione…).

cerchiocerchio

Oltre alla possibilità di sperimentare qualcosa di nuovo, vi è stata la possibilità di approfondire determinate tematiche, soprattutto per persone che già vivono all’interno delle comunità come ad esempio la tematica dell’affettività negli ecovillaggi. Vivere assieme a tante persone per forza di cose a volte “scombina” i nostri piani sulla vita di coppia, le relazioni e l’affettività, l’abbondanza di calore umano e aiuto reciproco ci arricchisce ma a volte ci crea confusione. In due cerchi di confronto paritario tra di noi abbiamo condiviso una molteplicità di esperienze intime e profonde sulla tematica che hanno arricchito ognuno di noi. Riconoscere il maschile e femminile che è in noi porta chiarezza nelle relazioni tra le persone, nelle relazioni di coppia, ma soprattutto conoscerci, stimarci e trovare la pace in noi stessi ci aiuta a rapportarci all’altro donando anziché aspettandoci qualcosa.

Il cammino è ancora lungo..ma è bello sentire dentro che lo stiamo condividendo assieme e che ci ritroveremo per farlo!

fuoco giardino

Per altre info sull’incontro e sopratutto per una bella descrizione del Giardino della Gioia visitate anche il blog:

 www.buzzichecozza.wordpress.com