Membri fondatori

Valentina Cifarelli

IMG_4458

Nata e vissuta fino a 18 anni nell’Alta Murgia barese precisamente ad Altamura, compie i suoi studi a Perugia laureandosi in Scienze della Comunicazione. Subito dopo l’università si impegna a gestire e organizzare progetti di mobilità internazionale per ragazzi dai 15 ai 30 anni, soprattutto attraverso il programma europeo Gioventù in azione. In particolare si concentra sui temi dell’inclusione sociale e dell’ambiente, mossa dal desiderio e dalla fiducia che l’educazione non formale sia un utile strumento per aiutare i ragazzi a crescere meglio e al tempo stesso a rendendo tutti più rispettosi e amorevoli verso quel che ci circonda.Attraverso questo lavoro impara e perfeziona l’uso di lingue come il francese, l’inglese e lo spagnolo rendendo più semplice l’interazione con gruppi internazionali. Attualmente si occupa di progetti europei anche nell’ambito della vocazione autentica e della permacultura per i bambini. Da anni lavora per realizzare un progetto di vita comunitario che sia una soluzione abitativa e lavorativa, che le permetta di condividere sogni e bisogni. Paradiso Ritrovato rappresenta la vibrante voglia di unirsi ad altre donne animate dalle stesse intenzioni per continuare su questa strada e far sì che piccoli cambiamenti possano condurre a grandi miglioramenti.

Cecilia Furlan

io&gallina

Si é laureata in Scienze Diplomatiche e Internazionali all’Università di Bologna. Dopo aver scritto una tesi sulla comunità filosofica femminile “Diotima” parte dall’Italia alla ricerca di luoghi che sperimentano concretamente e quotidianamente il sogno comunitario creando un modello alternativo. Vive quattro anni nell’ ecovillagio e Centro di Ricerca per la Pace Tamera, in Portogallo. Qui lavora e studia in vari settori della comunità: ecologico, sociale e artistico. Lavora soprattutto nel teatro e cura le relazioni pubbliche di Tamera (composta soprattutto di internazionali) con la società portoghese. Al momento vive tra la Svizzera e l’Italia, facendo lavori di progettazione internazionale sulla Permacultura e supporto a progetti di sostenibilità locale. Fondando l’associazione “Paradiso Ritrovato” e mettendo al centro l’educazione ambientale e sociale informale vede la possibilità di creare le basi per una transizione politica e sociale verso una società basata sulla cooperazione invece che lo sfruttamento. E’ mamma di una dolce bambina di nome Camelia.

Anna Frison

anna sole pietrecrop

E’ cresciuta vicino alla Laguna, a Venezia ma le sue radici appartengono ai monti. Mentre pascolava le mucche del nonno si chiese: “Perché gli esseri umani non possono vivere uniti, prendendo assieme  le proprie decisioni  che rispettino  la natura e il prossimo?”. Questa domanda le è rimasta dentro e l’ha accompagnata nelle proprie scelte di vita. Ha iniziato così ad osservare il mondo umano e realtà diverse dalla sua, vicine e lontane per capire come mai, a fronte di tanta bellezza che la circondava, l’essere umano soffre e confligge. Laureata in Scienze Politiche ad Indirizzo Sociale, con un Master in Immigrazione, trovava che la maggior parte dei disequilibri che stiamo vivendo, erano prodotti soprattutto da un sistema economico e politico che non è in contatto con i reali bisogni della gente e che ne eravamo tutti responsabili. Da qui il suo lavoro nel sociale: ha gestito progetti di inclusione sociale, culturale e abitativa, laboratori di creatività per il supporto alla crescita e attività nelle scuole di finanza etica e gestione non violenta dei conflitti. Dopo circa 15 anni di attività, ora partecipa attivamente alla creazione di nuove società fondate sul rispetto e aiuto reciproco, partendo prima di tutto dal creare pace in se stessa, vive in un Ecovillaggio e attraverso le attività del Paradiso Ritrovato mantiene un dialogo e una crescita reciproca con persone che non conoscono queste realtà e che vogliono conoscere pratiche di vita sostenibile.

Lucia Maccagnola

lucia bianca

 

 

 

 

 

 

 

Sin da bambina la curioità e la voglia di vedere il mondo sono stati il suo motore. Parte della sua educazione e crescita avvengono nella cascina del nonno, dove corre nei campi di mais e gioca con il fango. Terminati i gli studi in scienze sociali, mette nello zaino tutto ciò che le sarebbe servito per restare diversi anni in viaggio. E così inizia a realizzare il suo sogno. Lavora in tanti posti diversi in tutti e cinque i continenti. Raccoglie tanta esperienza in merito alla sostenibilità ambientale, vita comunitaria, agricoltura, la raccolta e il ciclo dell’acqua. Con il viaggiare associa lo studio e la ricerca e si pone le seguenti domande: “Come possiamo vivere CON il nostro pianeta? Come creare una realtà che possa aiutare tutti gli esseri intorno a me, piante, uomini animali e “spiriti”?”. Nella quotidianità  si adopera per ridurre drasticamente il suo impatto ambientale. Mentre viaggia ho realizza che l’educazione è un tassello fondamentale nella trasmissione di valori e conoscenze. L’educazione è la chiave per creare un mondo migliore. Attualmente lavora come insegnante e concentra tutte le mie energie nel creare progetti ambientali e trasmettere ciò in cui credo ai miei alunni, infatti insieme ad altre famiglie sta creando un asilo nel bosco di Arona. E’ mamma di due bambini stupendi, di nome Lea e Noah.